Palermo, sequestrato monumento a Filippo V

Sigilli all'opera dedicata al sovrano spagnolo che si trova nel parco davanti al Palazzo Reale. Operazione dei vigili, provvedimento del sostituto procuratore Salvatore Leopardi. L'assessore Carta: "Restauro all'inizio del 2011"

PALERMO. I vigili urbani del nucleo tutela patrimonio artistico di Palermo hanno sequestrato le statue del complesso monumentale "Teatro Marmoreo di Re Filippo V di Spagna" che si trova nel parco davanti alla piazza del Parlamento e al Palazzo Reale.     
Il provvedimento è stato emesso dal sostituto procuratore Salvatore Leopardi che ha ipotizzato i reati di danneggiamento del patrimonio artistico nazionale e di pericolo per la incolumità pubblica.    
Si tratta di una composizione architettonica e scultorea dedicata al sovrano spagnolo Filippo V.    
Gli accertamenti eseguiti dal nucleo tutela patrimonio artistico hanno permesso di scoprire una grave situazione di incuria e degrado. L'opera era sporca e invasa dalla vegetazione. Dall'ingresso è stata rubata una considerevole parte della balaustra che circonda la rappresentazione centrale. Spariti pure otto colonne marmoree e i battenti dell'antica cancellata che delimitava l'accesso al monumento. Diverse statue sono danneggiate e prive di alcune parti. Nel corpo centrale si notano parti frantumate, distaccate e pericolanti.    Nel 2006 il monumento era già stato sequestrato.   
Il complesso è di proprietà del Comune di Palermo e gestito dal Servizio Beni Artistici del Settore Centro Storico ed è sottoposto a vincolo monumentale dalla Soprintendenza ai Beni Culturali.    
"Con questo ulteriore intervento, dopo quelli della Chiesa della Gancia e dell'arco della Zisa - dice il comandante Serafino Di Peri - continua la nostra attività a tutela del patrimonio monumentale della nostra città".
"All'inizio del 2011 inizieranno i lavori di restauro", afferma l'assessore al Centro storico Maurizio Carta.   
"Il restauro del complesso scultoreo sarà finalmente possibile grazie all'espletamento del bando da 12 milioni di euro recentemente aggiudicato dall'ufficio Centro storico grazie allo sblocco di appositi fondi europei ottenuti attraverso la Regione siciliana. - ha spiegato - Il progetto prevede la completa riqualificazione di piazza della Vittoria, piazza Bologni e piazza Marina".   
"Oltre al restauro del complesso marmoreo di Filippo V (672.000 euro), - ha spiegato - tutta piazza della Vittoria godrà di un intervento di ampio respiro mirato soprattutto a restituire qualità al suo godimento vista anche la sua posizione strategica rispetto ad importanti centralità". Il progetto prevede: il rifacimento della pavimentazione e dei marciapiedi (1,06 milioni di euro); l'arredo urbano (730.000 euro); l'illuminazione sia di Villa Bonanno che del lato su corso Vittorio Emanuele (430.000 euro).   
"L'intervento di recupero delle piazze - conclude - non solo permette di eliminare il degrado dei monumenti e degli spazi urbani, ma è una strategia che stimolerà ulteriori interventi di restauro architettonico, di rivitalizzazione economica e di rigenerazione sociale, agevolando anche la progressiva pedonalizzazione del centro storico".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati