Regione, stabilizzazione non solo per i precari dei Comuni

La norma è contenuta nel disegno di legge presentato a sindacati e sindaci da Lombardo. Il posto fisso sarà offerto anche ai lavoratori in servizio in tutti gli enti collegati all’amministrazione regionale

PALERMO. Non soltanto i Comuni potranno stabilizzare i loro precari, il posto fisso sarà offerto anche ai lavoratori con contratto a tempo determinato oggi in servizio in tutti gli enti collegati o sottoposti a vigilanza della Regione. È la norma a sorpresa contenuta nel disegno di legge di stabilizzazione che Raffaele Lombardo ha presentato ieri a sindacati e sindaci del territorio di Palermo e Trapani.
Una norma pensata dall’assessore al Lavoro, Andrea Piraino, e dal suo predecessore Lino Leanza, per i 22.500 in servizio nei Comuni ma che adesso – si legge nell’articolo 1 – viene estesa a tutti gli enti indicati dall’articolo 1 della legge 10 del 1991. Significa, traduce Dario Matranga dei Cobas, che entreranno migliaia di precari dei consorzi di bonifica, il centinaio in servizio negli enti parco e poi quelli dell’Agenzie per l’ambiente (140) e i 400 della protezione civile. E anche sigle come Ast, Esa e Iacp (per fare qualche esempio), potranno dare il posto fisso”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati