La scuola "occupa" i monumenti - di Igor Petyx