Durc falsi, due imprenditori denunciati a Palermo

PALERMO. Uso di atto falso. Questa l'ipotesi di reato che il nucleo ispettorato del lavoro dei carabinieri di Palermo ha formulato nei confronti dei legali rappresentanti di due aziende palermitane che avevano ottenuto importanti appalti con enti pubblici presentando Durc (Documento unico di regolarità contributiva) falsi, elaborati da un falso consulente del lavoro, anch'egli denunciato per esercizio abusivo della professione e falso materiale.
Le due società erano infatti riuscite a ottenere appalti per la fornitura di strumentazione informatica e materiale di cancelleria. Le indagini sono state avviate, anche nei confronti della pubblica amministrazione, a seguito delle denunce presentate da un commercialista e dal titolare di una ditta individuale che svolge la propria attività mediante l'utilizzo di un programma informatico di spedizioni telematiche.
L'attività d'indagine è stata svolta dai militari, insieme  ai funzionari dell'Inps di Palermo centro. Gli atti sono stati trasmessi al sostituto procuratore di Palermo, Maurizio Agnello, il quale ha disposto una perquisizione locale e domiciliare, che ha consentito il ritrovamento dei Durc falsi, sbianchettati e sottoposti alla procedura del "copia-incolla".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati