Regione, il “sottogoverno” costa 1,5 milioni all’anno

Un esercito di 62 fra presidenti, vice presidenti e consiglieri di amministrazioni a capo delle aziende che fanno capo all’amministrazione

PALERMO. Costano un milione e mezzo di euro all’anno i compensi agli amministratori delle 32 società partecipate della Regione. Un esercito di 62 fra presidenti, vice presidenti e consiglieri di amministrazioni che muovono le file del sottogoverno.
Il record nella classifica dei compensi spetta a Marianna Li Calzi che in qualità di consigliere del Banco di Sicilia nominato dalla Regione, guadagna 133.882 euro lordi all’anno. Al secondo posto Gianluca Galati, con 77 mila uero per la presidenza di Sicilacque.
La società che costa di più in termini di compensi è l’Ast (165 mila euro), seguita da Sicilacque (158 mila euro).
I dettagli e la tabella con tutti i nomi, le cariche e i compensi nella pagine del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati