Dell’Utri, la Corte: nessuna prova di un patto elettorale

La sentenza sottolinea la "palese genericità delle dichiarazioni dei collaboranti" su questo punto

PALERMO. Non c'é una prova certa "né concretamente apprezzabile" che tra il senatore Marcello dell'Utri e Cosa nostra sia stato stipulato un "patto" politico-mafioso. Lo scrivono, nelle motivazioni, i giudici che hanno condannato in appello il senatore del Pdl. La sentenza sottolinea la "palese genericità delle dichiarazioni dei collaboranti" su questo punto. E ricordano che fino al 1993 i vertici mafiosi, e in particolare Leoluca Bagarella, erano impegnati a promuovere una propria formazione politica - "Sicilia libera" – di intonazione autonomista.
Poi il progetto venne accantonato perché intanto era nata Forza Italia. L'appoggio elettorale dato al partito di Berlusconi non darebbe certezze sull'esistenza di un accordo. Questa ipotesi, sostenuta dall'accusa, "difetta pertanto di quei connotati di serietà e concretezza richiesti dalla suprema corte ai fini della configurabilità del concorso esterno nel reato di associazione di tipo mafioso nel caso paradigmatico del patto di scambio tra l'appoggio elettorale da parte della associazione e l'appoggio promesso a questa da parte del candidato".
"Né sussistono prove - scrivono ancora i giudici - che la pretesa promessa e l'impegno asseritamente assunto dal politico, effettuata una verifica probatoria ex post della loro efficacia causale, abbiano fornito dall'esterno un apporto alla conservazione o al rafforzamento dell'associazione mafiosa di per sé incidendo immediatamente ed effettivamente sulle capacità operative dell'organizzazione criminale, per esserne derivati concreti vantaggi o utilità per la stessa o per le sue articolazioni settoriali coinvolte dall'impegno assunto".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati