Telefono Azzurro, in Sicilia bimbi troppo soli

Secondo l'associazione nell'Isola i più piccoli e adolescenti non sanno con chi parlare della propria condizione. Ricevute da tutta la regione 641 richieste d'aiuto nel 2010

PALERMO. In Sicilia bambini e adolescenti non sanno con chi parlare (59,4%), si sentono soli (14,9%), allora chiamano il Telefono azzurro dove trovano una voce che li ascolta, a cui raccontare la propria solitudine. In Sicilia, nel 2010, l'associazione, guidata da Ernesto Caffo, ha risposto a 641 richieste. L'isola è seconda tra le regioni d'Italia per numero di chiamate al centro di ascolto, come emerge dal rapporto presentato oggi a Roma da Telefono azzurro.   


Chi si rivolge agli operatori lo fa anche per motivi sentimentali (14,2%), per problemi di relazione con i propri coetani (10,9%) e per un disagio emotivo e psicologico (10,5%). Ma c'é anche chi, tra bambini e adolescenti, chiede un sostegno perché è vittima di abusi fisici (9,3%) o sessuali (3,7%).  Sono più le femmine (59,3%) a telefonare che i maschi (40,7%). Per il 96,2% è di nazionalità italiana, gli stranieri sono il 3,8%.    Il numero maggiore di telefonate è arrivato dalla provincia di Catania, il 43,8%. Seguono Palermo con il 19,5%, Caltanissetta (9%), Agrigento (7,8%), Messina (7,2%), Enna (4,5%,) Trapani (3,6%) e Ragusa (2,7%).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati