Zamparini, cambia idea!

Caro presidente Zamparini,
all'inizio dell'avventura rosa nero ti scrissi quando volevi lascare il mondo del calcio. La mia lettera fece clamore, questo giornale la pubblicò e tu cambiasti idea. Non mi importava del clamore e della visibilità che ho avuto all'ora, mi importava il messaggio che ti era pervenuto. Ti chiedo per piacere di andare a cercarla nei tuoi archivi, rileggerla e vedrai che in quelle parole sincere troverai la risposta giusta alle domande e perplessità che noi tifosi, ma che dico tifosi,innamorati del Palermo aspettiamo. Nella vita ci si può perdere è normale, ma ritrovare se stessi è sempre possibile. Mollare non è la cosa giusta, mollare significa rinunciare a quello che la vita vuole da noi, la coerenza, la lotta, la speranza di raggiungere un obiettivo. Che senso ha la vita se ci perdiamo, se abbandoniamo alla fine, tutti gli sforzi fatti sino ad adesso crollano come castelli di sabbia ed io non posso credere che dopo una vita di lotta verso la fine del percorso ci si possa arrendere e vanificare uno stile di vita durato una vita.
Tu hai la possibilità di insegnare ai giovani qual è la strada maestra, le persone avanti nell’età hanno il dovere di insegnare come si deve vivere. Da molti anni ti conosciamo, abbiamo imparato dal tuo stile di vita a non farci sopraffare, a continuare a credere che tutto è raggiungibile, anche se applicato ad una squadra di calcio, il calcio è vita è rispecchia i valori delle persone, ci sono i buoni e i cattivi, le ingiustizie e i soprusi, ma cosa più importante, ci sono le persone buone e oneste. Oggi più che mai ti prego di guardare dentro te stesso, li trovi le risposte giuste. Tutti possiamo perderci  per alcuni momenti, l'importante è ritrovarsi.
Giuseppe Caccamo, Palermo

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati