Ragusa, trova cellulare e chiama proprietario: che lo picchia

Un gestore di un impianto di distribuzione di carburanti è stato aggredito e malmenato perchè ha chiamato dal telefonino smarrito proprio per restituirlo. Un uomo di 44 anni è stato arrestato

RAGUSA. Un uomo di 44 anni, O.V., gestore di un impianto di distribuzione di carburanti, è stato aggredito e malmenato solo perché, avendo trovato un telefono cellulare dimenticato da qualcuno e volendolo restituire, ha composto uno dei numeri risultanti nella lista delle chiamate, mettendosi in contatto con la madre del proprietario del cellulare, e questi ha considerato la telefonata una "grave offesa".   


Carmelo Occhipinti, 44 anni, ragusano, avvisato dalla madre che il suo telefono era al sicuro, anziché andare a riprenderlo e ringraziare l'autore del gesto, gli si è scagliato contro, picchiandolo con violenza con un bastone e colpendo con un estintore l'impianto e l'auto del gestore.    Dopo la denuncia, Occhipinti è stato rintracciato dalla polizia e accompagnato in questura dove, attraverso un'apertura della camera di sicurezza, ha aggredito il dirigente della sezione volanti Paolo Arena, afferrandolo per la cravatta. Bloccato, è stato trasferito in carcere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati