Agrigento, fermato “esattore” vicino al boss Messina

Maurizio Romeo, 40 anni, è stato sottoposto dai carabinieri a fermo di polizia giudiziaria. È considerato vicino al capomafia arrestato nei giorni scorsi

AGRIGENTO. Un "esattore" del pizzo indicato dagli investigatori come vicino al boss di Agrigento Gerlandino Messina, arrestato nei giorni scorsi, Maurizio Romeo, di 40 anni, è stato sottoposto dai carabinieri a fermo di polizia giudiziaria con l'accusa di estorsione.
Romeo, già condannato nel 2001 a quattro anni di reclusione per associazione mafiosa, avrebbe chiesto 40 mila euro a un imprenditore che sta realizzando un residence alla periferia di Porto Empedocle.
La vittima dell'estorsione, di fronte alle continue richieste di denaro, avrebbe cercato di prendere tempo ma le minacce si sarebbero intensificate proprio in seguito all'arresto di Gerlandino Messina. A questo punto l'imprenditore ha deciso di denunciare tutto ai carabinieri che hanno fermato Romeo. Il provvedimento è stato disposto dal Pm della Direzione distrettuale antimafia di Palermo, Rita Fulantelli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati