Palermo, mix di droga e alcol uccisero l'oculista Cascio

È quanto emerso dall'autopsia. Il professionista palermitano fu trovato morto nel suo appartamento di via Mariano Stabile lo scorso 2 giugno

PALERMO. L'oculista Giovanni Cascio, scomparso lo scorso 2 giugno, è morto per un mix letale di cocaina ed alcol. È questo il risultato delle analisi emersi dall'autopsia effettuata dal professore Paolo Procaccianti, primario di medicina legale del Policlinico e dalla dottoressa Lidia Pugnetti.
Il corpo del professionista era stato trovato dalla moglie, dalla quale si stava separando, la mattina del 2 giugno nel suo appartamento in via Stabile. Dalle analisi sul sangue e sui tessuti della vittima sono emerse tracce di cocaina ed un tasso alcolemico molto elevato: 3 grammi per litro. Esclusa quindi definitivamente l'ipotesi di una colluttazione, il professionista, in realtà, ha perso l'equilibrio ed è caduto frontalmente. Ad avvalorare questa tesi il ritrovamento durante il primo sopralluogo di una pantofola sul terzo gradino e l'altra ai piedi della vittima. Cascio e la moglie si stavano separando ed i rapporti tra i due erano molto tesi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati