Misseri: "Ho violentato il cadavere di Sarah"

Lo zio della giovane uccisa ha ribadito di aver abusato del corpo privo di vita, prima di nasconderlo nel pozzo

AVETRANA. Nell'interrogatorio di venerdì scorso nel carcere di Taranto Michele Misseri ha ribadito di aver abusato del cadavere della nipote Sarah Scazzi vicino ad un rudere in campagna prima di nascondere il corpo. Lo si è appreso da fonti vicine alle indagini.
Il 26 agosto Michele Misseri nascose il corpo della nipote Sarah Scazzi calandolo nel pozzo dopo averlo legato con una corda al collo e ai piedi, corda che poi slegò da un capo e ritirò per distruggerla. E' quanto l'uomo ha dichiarato venerdì scorso nell'ultimo interrogatorio in carcere.
"Quando Sara è stata uccisa io stavo dormendo in casa", ha dichiarato sempre Misseri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati