Sicilia, Sport

Il derby alla Roma, il Milan all’inseguimento

Due rigori piegano la Lazio capolista. L’Inter scivola in terza posizione, dietro Juve e Napoli che vincono con Brescia e Parma

ROMA. La decima giornata in serie A 'comprime' la vetta della classifica grazie ai successi della Roma nel derby e del Milan a Bari. La Lazio resta prima, ma il vantaggio sui rossoneri - che scavalcano l'Inter e salgono al secondo posto - si riduce a 2 lunghezze: 22 punti contro 20.
Dietro soffre l'Inter, in apprensione per il grave infortunio a Samuel (eredità del deludente 1-1 al Meazza con il Brescia di sabato), insidiata ora più da vicino da Juventus e Napoli, a quota 18, vittoriose rispettivamente su Cesena e Parma. Proprio queste ultime due squadre languono in fondo alla classifica insieme al Bari, al quinto ko consecutivo. Colgono vittorie importanti la Fiorentina sul Chievo (1-0 con la prima rete in A di Cerci) e, ieri, il Bologna sul Lecce.
Il derby capitolino è vissuto sui rigori trasformati dalla Roma (due, con Borriello e Vucinic) e su quello – piuttosto evidente, ma ignorato dall'arbitro Morganti - per una cintura di Riise ai danni di Mauri. Le polemiche non mancano: Reja accusa duramente, Ranieri replica e ironizza. La Lazio deve però recitare il mea culpa per la scarsa brillantezza, soprattutto nel primo tempo. Forse il mancato volo dell'aquila Olimpia ha davvero tolto grinta ai biancocelesti. Da segnalare le traverse colte da Simplicio e Foggia.
La Juventus ha sofferto in avvio con il Cesena, passato in vantaggio con Jimenez. Ma un rigore realizzato da Del Piero ha riportato la parità ed in chiusura di tempo Quaglierella ha realizzato il 2-1. Iaquinta in chiusura di partita ha firmato il definitivo 3-1. Due reti di Cavani (una per tempo), da stasera capocannoniere insieme ad Etòo con otto reti, permettono al Napoli di superare un Parma tutto cuore e poca lucidità. La squadra di Mazzarri si riprende così dalla delusione patita a Liverpool in Europa League e resta in zona Champions.
Non va invece oltre lo 0-0 casalingo la Sampdoria. I blucerchiati, ancora orfani in attacco dell'indisciplinato
Cassano, con il Catania non pungono a dimostrazione che senza le invenzioni di Fantantonio, Pazzini&Compani sono spuntati, come aveva già rivelato la sterilità contro il Metalist in Europa.
Continua la sua risalita l'Udinese. La sfida con il Cagliari finisce 1-1. Al gran gol di Daniele Conti risponde Floro Flores per il pari friulano, tutto nel primo tempo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati