Rosa senza ds, Rossi: "Avrò rapporto più stretto con Zamparini"

L'allenatore del Palermo conferma le parole del presidente che lo vogliono più partecipe nelle strategie di mercato nel periodo senza direttore sportivo. Col Genoa probabile Miccoli dal primo minuto

PALERMO. Sorride Delio Rossi quando oggi in conferenza stampa a Boccadifalco gli è stato chiesto se ora senza direttore sportivo la sua figura sarà più simile a quella di allenatore manager. «Io sono qui per fare interessi del Palermo e sono abituato a rispettare le scale gerarchiche e a confrontarmi col ds. Il direttore sportivo, poi, a sua volta parla col presidente. Certo, ora senza la figura del diesse salta momentaneamente un passaggio e io avrò un rapporto più diretto con Zamparini». Non parlate, però, al tecnico di Rimini di uomini che non vanno o di strategie di mercato a gennaio e Rossi spiega il perché. «Inutile parlare di mercato ora, perché si discuterà di queste cose solo tra due mesi. Parlare di mercato, dunque, mi sembra sbagliato, perché è come volere cercare un capro espiatorio. Io, invece, devo cercare la giusta alchimia adesso, fermo restando che la società si deve muovere per tempo». Rossi passa poi ad analizzare il momento dei rosanero, il più difficile da quando siede sulla panchina dei rosanero, come egli stesso ammette. «Il periodo è delicato, ma questo può capitare nell’arco della stagione. E quando capita, bisogna avere più attenzione e cura dei particolari. Magari bisognerà cambiare qualcosa, ma non stiamo parlando di una squadra che non è in salute o che sta facendo male». E quando si parla di cambiare qualcosa, si fa subito riferimento alla difesa a tre provata nell’ultima partita a Mosca. «Non ho nessun pregiudizio verso alcun modulo. Io non ho un sistema di gioco, ma a seconda dei giocatori che ho a disposizione, adotto un nuovo schema ogni anno». Domani, però, nel posticipo del Barbera contro il Genoa dell'ex Luca Toni qualcosa nella formazione potrebbe cambiare soprattutto per il ritorno importante, e in questo momento quanto mai fondamentale, di Fabrizio Miccoli. Schierarlo o no fin dall’inizio? Sarà questa il dubbio che più ricorrerà nella mente del tecnico rosanero la prossima notte. Un suo inserimento dall’inizio cambierebbe certamente le cose e il primo indiziato a fargli posto nell’undici titolare sarebbe lo sloveno Ilicic. «Miccoli a Mosca si è presentato molto meglio rispetto al Losanna. Domani farà sicuramente parte del match. Starà a me decidere – ha chiarito Rossi in conferenza - se dall’inizio o dalla panchina anche perché non avrò Abel domani a disposizione. Al top, comunque, Fabrizio è un valore aggiunto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati