Pensionato condannato per abusi su una bimba

Alcuni amichetti della minore avevano avvertito i familiari che non hanno mai esposto denuncia

PALERMO. Giuseppe Lo Meo pensionato 78enne è stato condannato a 10 anni di carcere per aver violentato una bambina di soli 9 anni nel 2004. In un contesto di estremo degrado le violenze erano state scoperte dalle maestre che avevano notato i disegni della bambina nei quali esprimeva tutto il suo disagio.
Durante il processo è venuto alla luce che in molti erano a conoscenza di queste violenze, che si erano protratte per diversi anni, ma nessuno aveva mai detto nulla. Alcuni compagni di scuola in alcune occasioni avrebbero addirittura assistito di persona a questi abusi. Durante le deposizioni in tribunale hanno sostenuto di aver avvertito la madre ed il nonno della bambina, ma quest'ultimi non hanno mai esposto denuncia. Per questi motivi alla madre è stata revocata la patria potestà.
Lo Meo oltre ai 10 anni di carcere è stato condannato ad un risarcimento di 10 mila euro alla vittima. La bambina, ora quindicenne, è stata affidata ad un centro per minori.
Il pensionato è stato invece assolto per un altra accusa di violenza ad una minorenne. La ragazzina che ai giudici aveva raccontato di esser stato oggetto di abusi quando aveva 7 anni, ha poi ritrattato dicendo di essersi inventata tutto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati