Fraconfonte, benzinaio sequestrato: liberato dai carabinieri

Salvatore Navanteri, 55 anni, è stato arrestato dopo aver puntato una pistola alla tempia del gestore, che rifiutava di pagare il pizzo

FRANCOFONTE. Ha sequestrato il titolare di una stazione di carburanti di Francofonte, all'interno dell'ufficio dell'area di servizio, e puntandogli una pistola calibro 38 special alla testa lo ha minacciato di morte se non avesse accettato di pagare il 'pizzo'. E' l'accusa contestata dai carabinieri della compagnia di Augusta a Salvatore Navanteri, di 55 anni, che è stato arrestato per tentativo di estorsione e sequestro di persona.   


Militari dell'Arma hanno fatto irruzione nell'ufficio dove l'uomo si trovava con la sua vittima, riuscendo a bloccarlo, dopo che Navanteri, nel corso di una trattativa con gli investigatori, ha esploso accidentalmente un colpo di pistola con il proiettile che ha danneggiato il pavimento senza ferire alcuno.    I carabinieri hanno sequestrato anche i filmati del sistema televisivo a circuito chiuso dell'impianto e la rivoltella, che aveva la matricola cancellata. L'arma sarà sottoposta a perizia balistica da parte di militari del Ris di Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati