Ruby, il giallo della telefonata in questura

Indagine della procura per chiarire cosa accadde a Milano. Il pm in un primo momento aveva deciso il ricovero in una comunità per minori

MILANO. Ruby doveva essere collocata in una comunità la notte in cui venne fermata e portata in Questura a Milano, dopo la denuncia di furto da parte dell'amica con cui fino a poco tempo prima aveva condiviso l'appartamento. E questo perché lo aveva disposto il pm dei minori di turno quel giorno, Annamaria Fiorillo, dopo gli accertamenti sulla sua identità e sulla sua problematica situazione. Quella sera, quando Ruby, la minorenne al centro dell' inchiesta milanese condotta dal procuratore aggiunto Piero Forno e dal pm Antonio Sangermano, venne accompagnata dagli agenti delle volanti negli uffici di via Fatebenefratelli, era una delle tante minorenni "non accompagnate" che forse aveva commesso un reato. In più era sprovvista di qualsiasi documento di identità. Gli agenti, come accade sempre in questi casi avvisarono il pm minorile il quale, intervenendo in una situazione di urgenza, prima di prendere qualsiasi provvedimento 'tampone', chiese di indagare sulla ragazza.
Innanzitutto vennero cercati i suoi documenti a casa dell'amica che l'aveva denunciata e dove Ruby, come lei stessa aveva detto, aveva vissuto però non come ospite ma pagando l'affitto. Nulla da fare, i documenti non c'erano. Inoltre vennero prese le impronte digitali della ragazza e, dai controlli ai terminali, si riuscì a risalire ai suoi dati anagrafici.    
Pian piano venne a galla una parte del passato 'turbolento' della fanciulla. Spuntò una denuncia di scomparsa da una comunità in Sicilia a cui era stata affidata dal Tribunale per i Minori di Messina che già aveva aperto un fascicolo nell'interesse della ragazza marocchina. Comunità che in quelle ore venne contattata per raccogliere altre informazioni al fine di definire meglio i contorni della vita della 17enne, che già appariva disordinata e tormentata. Considerata la situazione di incertezza il pm Fiorillo decise così che Ruby andava 'protetta', disponendo, quindi, la sua collocazione in comunità. E questo anche se gli agenti avvertirono il magistrato che c'era una persona, "un consigliere ministeriale presso la Presidenza del Consiglio", si legge negli atti del procedimento civile di Ruby, disposta a prendersi cura di lei, a prenderla in affidamento. Da questa fase in poi sarà l'inchiesta della Procura di Milano a stabilire che cosa accadde nei momenti successivi: se quella notte c'era o non c'era una struttura protetta in grado di ospitare la giovane e come si arrivò a consegnarla alla consigliera regionale Nicole Minetti, ex igienista dentale di Berlusconi. Gli inquirenti dovranno anche approfondire la questione della telefonata arrivata da Palazzo Chigi alla Questura e in cui, come hanno riferito alcuni quotidiani ieri, il premier avrebbe sostenuto che la minorenne era nipote del presidente egiziano Mubarak e che per tanto, era meglio evitare di trasferirla in una struttura di accoglienza. Quel che è certo è che qualche giorno dopo quella notte, Ruby venne sorpresa in giro a Milano in "atteggiamenti non adeguati" e, su ordine di un altro pm dei minori, venne mandata in comunita. Questa volta ci andò ma da lì scappò ancora.
Sul Giornale di Sicilia oggi in edicola ulteriori approfondimenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati