Funzionario si promuove dirigente: il sindaco di Catania lo licenzia

L'ingegnere Maurizio Consoli è accusato di aver inserito in un progetto dell'amministrazione la trasformazione del servizio informatico in direzione, aumentandosi grado e stipendio

Sicilia, Cronaca

CATANIA. Avrebbe "carpito la buona fede" del sindaco inserendo in un progetto dell'amministrazione "la trasformazione del 'servizio' in 'direzione' prefigurando, a vantaggio personale, il proprio aumento di grado e di stipendio". E' l'accusa contestata al dirigente del servizio informatico del Comune di Catania, l'ingegnere Maurizio Consoli, che è stato licenziato dal primo cittadino, Raffaele Stancanelli, per "slealtà".    
In un progetto a lui affidato, da realizzare con fondi regionali, il sindaco aveva disposto che il servizio informatico, non diventasse direzione e quindi Consoli sarebbe rimasto funzionario e non sarebbe stato promosso dirigente. A Stancanelli sarebbero state fatte firmare carte che "surrettiziamente" promuovevano l'ingegnere.     
Il sindaco, accortosi della vicenda, avrebbe bloccato il passaggio. Consoli a quel punto, sostiene l'amministrazione, sarebbe rimasto sulle proprie posizioni e avrebbe chiesto la revoca del finanziamento da 2,5 milioni di euro alla Regione.    
La ricostruzione fornita dal Comune è contestata da Consoli che si dice "profondamente amareggiato" ribadendo di "avere fatto sempre il proprio dovere" e di "avere seguito le direttive". L'ingegnere ha dato mandato al proprio legale, l'avvocato Mario Giarrusso, di presentare ricorso al Giudice del lavoro di Catania.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati