Tosi: Lombardo è uno dei nostri

Il sindaco leghista di Verona: "Se vuole spezzare le logiche clientelari e ottenere il federalismo sarà il nostro miglior alleato". Niente Carroccio al Sud però: c'è "un rischio troppo grande: la mafia"

ROMA. "Raffaele Lombardo potrebbe essere uno dei nostri". Lo dice in un'intervista al Giornale il sindaco di Verona Flavio Tosi (Lega Nord), commentando le parole del governatore siciliano che ieri sul medesimo quotidiano aveva parlato di "secessione" in Sicilia.
"Se il popolo siciliano riscopre l'orgoglio delle proprie radici, le cose cominceranno a funzionare meglio - aggiunge il primo cittadino veronese -. Veneti e siciliani hanno gli stessi obiettivi: onestà ed efficienza. Un popolo fiero si impegna di più a far funzionare le cose".
"Se Lombardo vuole spezzare le logiche clientelari e ottenere il federalismo - prosegue - sarà il nostro migliore alleato". Tosi però individua degli ostacoli per il governatore siciliano: l"impopolarità" da un lato e "la mafia" dall'altro. In Sicilia, prosegue, "servirebbe una classe dirigente nuova, sganciata dalle vecchie logiche".
Niente Carroccio al Sud però: c'é "un rischio troppo grande, che la mafia si infiltri anche nella Lega". "Questo – spiega Tosi - ci si ritorcerebbe contro. E poi c'é l'MpA, è come se ci fossimo noi".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati