Lombardo: l'unità d’Italia non è stata un affare

Provocazione del presidente della Regione in un’intervista: "Chiederò al ministro per il Federalismo Umberto Bossi che questa secessione la faccia veramente una volta per tutte, ma in Sicilia"

ROMA. "Chiederò al ministro per il Federalismo Umberto Bossi che questa secessione la faccia veramente una volta per tutte, ma in Sicilia. Ci mandi pure al diavolo: sono sicuro che, da indipendenti, ce la caveremo meglio che restando sotto la tutela di Roma". Così il presidente della regione Sicilia Raffaele Lombardo in un'intervista al Giornale.
"Senza una pistola puntata alla tempia non saremo mai virtuosi", dice Lombardo. "Però temo che il federalismo non si realizzerà affatto com'é stato pensato. E allora meglio che ciascuno vada per la propria strada". A livello economico, "lo stato italiano incassa 10 miliardi di euro di entrate fiscali derivanti dalla raffinazione del petrolio. Ci lascino quello che é dei siciliani e noi siamo a posto".
Per il governatore "L'unità d'Italia non è stata un affare né per i veneti né per i siciliani né per nessuno". "Quando sarà riscritta la storia d'Italia - aggiunge - si vedrà che una mano al successo della mafia l'hanno data i garibaldini. Garibaldi portava in Sicilia un regno la cui capitale era molto lontana e la criminalità organizzata ha bisogno di questo: più distante è il sovrano o il presidente e meglio campa".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati