All’Ars una legge contro le doppie indennità

La nuova normativa, ancora da approvare, prevede norme più rigide per gli eletti che debbano partecipare alle riunioni dei consigli e assenze più brevi dai posti di lavoro

PALERMO. La Regione prova a dare un taglio alle doppie indennità concesse a Consiglieri comunali e provinciali siciliani. C’è una norma, contenuta nella legge Finanziaria, che prevede l’«Abolizione dei permessi ed indennità a carico delle pubbliche amministrazioni», così recita l’articolo 11.
La nuova normativa, ancora da approvare all’Ars, prevede norme più rigide per gli eletti che debbano partecipare alle riunioni dei consigli e assenze più brevi dai posti di lavoro.
Il taglio è previsto anche per i componenti delle commissioni consiliari e per i componenti di giunta: non saranno più esentati dal servizio per l’intera giornata ma solo per l’effettiva durata dei lavori.
Prevista, come riporta il Giornale di Sicilia in edicola oggi, una stretta anche per i permessi che non potranno superare le 24 ore mensili.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati