Il boss Messina coi santini, Romeo: "Chiesa e mafia incompatibili"

L'arcivescovo di Palermo: "Inutile e offensivo sfoderare Bibbia e invocazioni varie se poi si sceglie il male nella vita"

PALERMO. "I comportamenti mafiosi sono antievangelici ed è assolutamente inutile, oltre che offensivo, sfoderare Bibbia e santini, invocazioni varie, se poi si sceglie il male nella quotidianità della vita". Così monsignor Paolo Romeo, arcivescovo di Palermo e presidente della Conferenza Episcopale Siciliana, riunita oggi nel capoluogo, commenta  "quanto visto e sentito nel corso dell'ultima operazione delle forze dell'ordine che ha permesso, ad Agrigento, l'arresto di Gerlandino Messina".     
"I frequenti collegamenti verbali e non solo verbali che uniscono mafiosi e religione sono ben più che fuoriposto - prosegue Romeo  - Ce lo insegna Cristo e ce lo dice il Vangelo e ce lo hanno ribadito prima Giovanni Paolo II nel suo anatema dalla Valle dei Templi, proprio ad Agrigento, e qualche giorno fa Benedetto XVI da Palermo, quando ha evidenziato come 'la mafia e' una strada di morté e che è 'incompatibile con il Vangelo', ed è per questo che non è possibile alcuna conciliazione tra questo grave fenomeno che offende Dio e gli uomini, con il cristianesimo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati