Palme malate a Palermo e l'abbattimento fermo

L’abbattimento delle palme malate è di nuovo fermo. Era ripreso dopo uno stop durato molti mesi. Ma la triturazione dei tronchi non è ancora ripartita e dunque rimuoverli significherebbe solo accatastarli da qualche parte. Il punteruolo rosso, che ha sterminato questa storica vegetazione, si propaga sempre più. E restano fra viali e giardini le palme dalla chioma ormai appassita. Di fronte all’assalto del coleottero, l’uomo si è lasciato sorprendere, mostrandosi impreparato. La partita, adesso, appare irrimediabilmente perduta, e infatti la squadra comunale sembra volere lasciare il campo prima del tempo. E contemporaneamente, già sul terreno di gioco, sono cominciate le liti. Proprio come in questo caso. È proprio un contrasto fra uffici la causa della nuova battuta d’arresto nell’abbattimento delle palme. Il Comune dice che l’Amia può procedere alla triturazione, l’azienda dell’igiene ambientale ribatte che le cose non stanno così. E come sempre avviene, quando due uffici diversi tirano fuori le proprie ragioni, scatta un lungo contraddittorio fatto di riferimenti ad autorizzazioni, documentazione necessaria, adempimenti di varia natura. Come scriveva ieri, in una lettera pubblicata dal Giornale di Sicilia, la signora Maria Cinà, mai nessuno che dica: «Sì, questo mi compete!». Al contrario, si fa di tutto per non fare una cosa, per addossare agli altri la responsabilità del «non fatto». Manca un documento? È così complicato prendere un telefono e dire all’altro: «Per favore me lo mandi»? Sembra facile, ma nell’amministrazione che negli ultimi anni ha stabilizzato migliaia di lavoratori socialmente utili (in teoria, in pratica chissà!) e che ha personale in abbondanza per ammissione dello stesso direttore generale, non c’è nessuno che lo faccia. Si preferisce litigare davanti all’opinione pubblica su questioni di «lana caprina». Sono litigi indecenti. Che spazientiscono oltre la soglia della tollerabilità in un momento in cui la città annaspa sotto i colpi della disamministrazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati