Giampaolo: col Genoa la gara più dura

Il tecnico eteno alla vigilia dell'impegno a Marassi: "Affrontare una squadra di Gasperini non è mai semplice". Ballottaggio a centrocampo tra Ricchiuti e Gomez

CATANIA. "La partita più impegnativa per il Catania sul piano tattico dell'intero campionato". Marco Giampaolo non esita ad assegnare alla trasferta di domani con il Genoa il massimo grado di difficoltà.       
L'allenatore etneo tiene in guardia i suoi: "Ci attende un incontro ancora più complicato di quello contro il Napoli - osserva - affrontare una formazione allenata da Gasperini non è mai semplice e il Genoa è una delle squadre più imprevedibili del torneo, capace di attaccare a oltranza senza dare punti di riferimento. A Marassi, inoltre, il fattore ambientale si fa sentire". "Solo con una grandissima prestazione - sottolinea Giampaolo - potremo fare bene. I rossoblu, magari, possono concedere qualcosa in fase di transizione, ma per approfittarne bisogna essere davvero bravi: servono qualità e velocità di pensiero. Bisognerà correre molto, reggere il confronto sul piano fisico e individuale e gestire bene il pallone quando saremo noi ad averlo". "Il Genoa - prosegue l'allenatore degli etnei - ha sempre segnato nelle ultime ventidue partite disputate in casa, quindi ci serve almeno un gol per poter puntare a un risultato positivo. Le assenze tra i padroni di casa? Non saranno un problema - rileva Giampaolo - i genoani hanno un organico competitivo, in grado di sopperire senza troppi problemi a qualunque indisponibilità".    
Tra i 23 convocati per l'impegno di Marassi non ci sono Morimoto (influenza), Pesce (scelta tecnica), Ledesma e Augustyn (convalescenti). Carboni ha invece smaltito gli acciacchi che lo hanno frenato in settimana e fa regolarmente parte del gruppo così come Llama, rivistosi all'opera domenica scorsa dopo sette mesi di assenza per infortunio. Prima chiamata per il brasiliano Martinho. L'unico dubbio di formazione riguarda il ballottaggio a centrocampo tra Ricchiuti (favorito) e Gomez.   
"Entrambi - spiega l'allenatore del Catania - mi danno ampie garanzie, può capitare che giochino insieme uno spezzone di partita come è successo col Napoli, ma schierare dall'inizio tre attaccanti più Ricchiuti significa perdere equilibrio: bisognerebbe modificare il sistema di gioco e io non sono uno che cambia assetto ogni domenica. Carboni sta bene, questa mattina ha sostenuto un ottimo allenamento, mi è piaciuto. Llama - annuncia Giampaolo - ha recuperato sul piano fisico, adesso deve ritrovare la condizione: è convocato, ma non giocherà dall'inizio".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati