Sara forse uccisa in casa

Nuova ipotesi sull’omicidio della giovane di Avetrana. La cugina Sabrina ai familiari: non ho nulla da nascondere. Il legale di Michele Misseri: alla fine forse risponderà di solo occultamento

TARANTO. Quattro sere fa, quando nella caserma dei carabinieri di Manduria (Taranto) le fu detto che il padre l'accusava di averlo aiutato ad uccidere la cugina Sara Scazzi, il suo volto restò quasi impassibile, come se in qualche modo se lo aspettasse. Oggi Sabrina Misseri, per la prima volta da quella sera, ha ricevuto in carcere la visita della madre Cosima e della sorella Valentina ed ha ribadito: "Io non ho nulla da nascondere".
Ragazza 'tosta' la ventiduenne di Avetrana, che continua da dietro le sbarre, così come aveva fatto in caserma il 15 ottobre, a dirsi innocente e a sostenere che di quelle cose confessate dal padre Michele lei non sa assolutamente nulla.  Dopo aver gridato nei giorni scorsi la sua innocenza anche attraverso le sbarre della cella, per far sentire il suo grido d'innocenza persino all'esterno del carcere, intervallando questi momenti con altri di lacrime, Sabrina oggi sarebbe apparsa più tranquilla dopo la visita dei famigliari, che erano accompagnati dagli avvocati Vito Russo ed Emilia Velletri. Mamma Cosima e Valentina hanno potuto parlarci direttamente; fuori ad attenderle c'erano il fratello e la sorella di Cosima, Giuseppe ed Emma.
Sabrina avrebbe spiegato ai suoi famigliari di aver risposto alle domande del gip nell'interrogatorio di convalida del fermo di polizia giudiziaria perché non intenderebbe nascondersi. Al contrario, la ragazza avrebbe mostrato incredulità per le dichiarazioni dell'amica Mariangela, che di fatto contrastano nettamente con le sue. "Non capisco come possa aver detto certe cose" avrebbe detto, aggiungendo di essersi esposta in quei 40 e passa giorni alle telecamere solo per cercare in tutti i modi di trovare Sara e ribadendo all'infinito: "Io dormivo, non so nulla di cosa ha fatto mio padre". E viene fuori che la stessa Sabrina, due giorni dopo l'arresto di papà Michele, avrebbe inviato un sms ad una giornalista della trasmissione 'Chi l'ha visto?' confessando 'Mi faccio schifo. Sono l'unica a non esserci andata da Sarà, riferendosi ai funerali della cugina.
Alla fine delle indagini Misseri potrebbe ritrovarsi addosso solo l'accusa di occultamento di cadavere e non anche quella di omicidio volontario. Ma questo significherebbe che qualcun altro ha ucciso materialmente Sara Scazzi. Ogni giorno che passa il puzzle sembra si stia completando, e invece poi si torna a ridisegnare tutto o quasi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati