Messina, dopo l'alluvione la gente ha ancora paura

Studio dell'Eurispes Sicilia in collaborazione con l'Ordine dei Geologi, un anno dopo le piogge torrenziali che hanno danneggiato Giampilieri e Scaletta Zanclea. Il 62% si ritiene poco sicuro

PALERMO. Alla domanda su quanto ritengano sicuro il territorio dove vivono, il 62% del campione ha risposto "poco" e solo il 7% "molto". Lo dice uno studio dell'Eurispes Sicilia in collaborazione con l'Ordine regionale dei Geologi, un anno dopo l'alluvione che ha sconvolto Messina e i comuni della provincia. Il sondaggio ha interessato, per un 40%, un campione di età tra i diciotto ed i quarant'anni, mentre il restante 60% ha più di quarant'anni, secondo la stratificazione demografica esistente. Il campione è stato diviso per sesso, residenza (Giampilieri, 34%, Scaletta Zanclea, 15%, altro (50%) ed istruzione (scuola media, 20%, diploma, 55%, laurea, 22%.    
Alla domanda se ritiene responsabile qualcuno per ciò che è accaduto la risposta è stata: 85% sì, mentre il 15% ritiene che sia stata la natura a scatenarsi.    Le responsabilità, secondo il sondaggio, sono da attribuire, per il 68% agli amministratori locali, per il 26% al governo nazionale e per il 6% all'abusivismo. Sulle iniziative di prevenzione messe in campo nell'ultimo anno, il 58% ritiene che é stato fatto poco ed il 30% molto poco.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati