Devastata villa estiva di un preside dell'università di Messina

Danni nella residenza di Noto di Antonio Pennisi che dirige Scienze della formazione nell'ateneo peloritano. Forse un'intimidazione: indagano i carabinieri

SIRACUSA. Devastata la residenza estiva di Noto, nel Siracusano, del preside della facoltà di Scienze della formazione dell'Università di Messina, Antonino Pennisi.   
L'episodio è stato scoperto oggi da alcuni residenti di contrada cappello, e non è stato ancora accertato a quando risalga. Alcune suppellettili e parti di arredamento sono stati fatti a pezzi nei pressi dell'abitazione.    
Qualcuno, dopo aver forzato una porta finestra, è entrato nella villa mettendo ogni cosa a soqquadro e danneggiato i mobili. Tra le ipotesi, quella che in questo momento viene seguita con maggiore convinzione da pate dei carabinieri, è quella di una intimidazione.    
A Noto l'ateneo messinese, assieme ad alcuni enti locali, ha dato vita da tempo al Cumo, il Consorzio universitario per la Sicilia orientale, che svolge corsi di laurea della facoltà di Scienze della formazione.   
eA Pennisi è giunta la piena solidarietà del sindaco di Noto Corrado Valvo, dal presidente del cda del Cumo, Egidio Ortisi, Mario Bonomo, deputato regionale dell'Api, ha annunciato un'imminente visita a Noto del neo assessore regionale ai beni culturali Sebastiano Missineo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati