Abuso d’ufficio, chiesti due anni per Scapagnini

La proposta arriva dalla Procura di Catania nei confronti dell’ex sindaco della città etnea. Il procedimento tratta la nomina, nel gennaio 2001, di Carmelo Guglielmino quale consulente del Comune

CATANIA. Il sostituto procuratore Antonino Fanara ha chiesto alla terza sezione penale del Tribunale di Catania la condanna a due anni di reclusione dell'ex sindaco di Catania, e attuale parlamentare nazionale del Pdl, Umberto Scapagnini.
Il procedimento tratta la nomina, nel gennaio 2001, di Carmelo Guglielmino quale consulente del Comune con l'incarico di "coordinare le attività connesse al rilascio e alla riqualificazione degli spettacoli teatrali dialettali". Secondo l'accusa la delibera prevedeva che Guglielmino, che non è imputato, svolgesse il ruolo a titolo gratuito, e invece per lui sarebbe stati stanziati 14 milioni di lire a titolo di rimborso, dei quali ne incassò nove.
Secondo l'avvocato Guido Ziccone, che assiste Scapagnini nel procedimento, "dal dibattimento emergerà con chiarezza l'irrilevanza penale della vicenda".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati