Trapani, un centro per minori nella casa dei boss

L’edificio si trova nella zona di Marausa in via Fratelli Pace. Nei prossimi giorni sarà pubblicato il bando per la gestione dell’immobile

TRAPANI. Sono 7 appartamenti e 11 lotti di terreno i beni confiscati dallo Stato alla mafia e assegnati al Comune. Tra questi c’è pure l’area di contrada Cuddia di sette mila e passa metri quadrati di estensione dove l’amministrazione comunale conta di realizzare il canile.
Dei sette appartamenti confiscati alla mafia cinque sono già stati assegnati, come quello di via Dalmazia, concesso nel 2005 all’associazione culturale “Arci”, e l’immobile di via Casa Bianca, dal 2004 affidato all’associazione “Volontari del sangue di Trapani”. Tra i beni confiscati alla mafia c’è anche il fabbricato lungo la Trapani-Mazara utilizzato dalla “Trapani-Servizi”, la società di proprietà del Comune che tra le altre cose si occupa della raccolta dei rifiuti in città.
Gli altri due appartamenti già assegnati sono quello di via Marconi concesso all’associazione “Avulss” e l’immobile di via della Salute dove ha sede l’archivio del Tribunale di Trapani. Sarà invece pubblicato nei prossimi giorni il bando per la gestione dell’edificio di Marausa in via Fratelli Pace, anch’esso bene confiscato alla mafia che il Comune intende destinare a Centro per minori.
I dettagli nell’edizione di Trapani del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati