Riparte la vendita di Tirrenia, ecco i concorrenti

Scade domani il termine per la presentazione delle prime offerte. Si tratta della fase iniziale di una procedura che si dovrà concludere entro marzo

ROMA. Riparte la vendita di Tirrenia, ma questa volta separata da Siremar. Domani scade il termine per la presentazione delle manifestazioni di interesse sia per la compagnia marittima sia per la controllata siciliana: si tratta del primo step di una procedura che si dovrà concludere entro fine marzo (il commissario straordinario, Giancarlo D'Andrea, nominato il 5 agosto scorso, dopo la dichiarazione di insolvenza ha 180 giorni di tempo per il risanamento della compagnia).    
In corsa ci sarebbero molti dei soggetti che avevano già partecipato alla prima privatizzazione, quella vinta da Mediterranea Holding e poi annullata per decisione dell'azionista Fintecna. A partire dalla stessa Mediterranea Holding, che conferma all'Ansa di aver presentato l'offerta per l'acquisto di Tirrenia. Conferma di aver partecipato a questo primo step anche l'armatore Alexis Tomasos con la Costantino Tomasos. Ci sarà poi l'armatore sorrentino Gianluigi Aponte, patron di Msc, che per partecipare alla gara è da poco entrato con Marinvest nel 50% Gnv e ha annunciato che presenterà la manifestazione di interesse attraverso Snav. E infine l'imprenditore italo-americano Antony Cerone, che ha già consegnato la propria offerta alla Banca Rotschild di Milano. Tra i possibili partecipanti ci sarebbero anche la Moby di Vincenzo Onorato, che si è sempre detto pronto a comprare Tirrenia ma senza Siremar; Corsica Ferries, il gruppo Franza e il fondo britannico Cinven Limited.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati