Dato per disperso sull'Etna, ma era tornato a casa col bus

CATANIA. Si era stancato di raccogliere castagne con un amico occasionale che aveva conosciuto alcune ore prima a Catania ed è ritornato a casa con il bus pubblico da Pedara, ma l'altro non vedendolo più ne ha denunciato la scomparsa facendo attivare le ricerche.
E' avvenuto sul versante sud dell'Etna, nelle montagne della zona di Pedara, dove militari del soccorso alpino, appartenenti al corpo forestale regionale e volontari del Cnsas, hanno cercato per diverse ore un disperso che invece era a casa.
L'antefatto a Catania, a un chiosco per la vendita di bibite dove due sconosciuti fanno amicizia davanti a un caffé scoprendo di avere una comune passione, la raccolta di castagne, e decidono di andare sull'Etna. Salgono in montagna con l'auto di un 45enne, che si addentra nei boschi. Al rientro non trova il compagno, un sessantenne di cui conosce soltanto il nome: Salvatore. Scatta l'allarme e si avviano le ricerche che durano diverse ore. La sera il 45nne rientrando a Catania torna al chiosco il cui gestore conosce il sessantenne e gli rivela che Salvatore è tornato a casa con un autobus perché era stanco.
Una verifica dalla sala operativa della guardia di finanza chiude le ricerche per un disperso che non c'era.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati