I dubbi sul corpo del bandito Giuliano

La Procura di Palermo ha affidato la riesumazione a un medico legale. Casarrubea e Cereghino: "Ci si augura presto una risoluzione del caso"

Sicilia, Cronaca

PALERMO. "Non abbiamo mai affermato né che il bandito Salvatore Giuliano sia fuggito all'estero, né che il cadavere esposto quella mattina appartenga a un sosia. Sono temi sui quali sta indagando la Procura di Palermo e sui quali ci si augura si possa presto addivenire a una definizione". Lo precisano in una nota gli storici Giuseppe Casarrubea e Mario J. Cereghino in merito alla decisione della Procura di affidare a un medico legale la riesumazione del corpo del bandito Giuliano per verificare se quelli sepolti sono effettivamente i resti del "re di Montelepre".    
I magistrati hanno aperto l'inchiesta dopo l'esposto presentato da Casarrubea e Cereghino che hanno chiesto alla Procura "di intraprendere un'indagine conoscitiva per accertare l'identità della persona uccisa nel cortile dell'avvocato Di Maria (Castelvetrano), la notte tra il 4 e il 5 luglio 1950, rispondente al nome di Salvatore Giuliano, autore di stragi e omicidi, commessi in Sicilia negli anni che vanno dal 2 settembre 1943 e fino alla data del luglio 1950".    
Secondo Casarrubea e Cereghino "vi sono fondati motivi per ritenere che il cadavere ritratto nel suddetto cortile e nell'obitorio del cimitero di Castelvetrano non siano la medesima persona ritratta in decine di fotografie e in un filmato del dicembre 1949 come il bandito Salvatore Giuliano".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati