Oro, contanti e assegni: ecco il tesoro di Galatolo

Perquisizione della Dia a casa del boss dell’Acquasanta, dopo l’indagine che coinvolge anche il deputato dell’Ars, Mineo. Blitz nella villa di Villagrazia di Carini in uso al capomafia

Sicilia, Cronaca

PALERMO. Oro, contanti e assegni per un valore di quasi 400 mila euro. È questa una parte del tesoro rintracciato nell’abitazione di Angelo Galatolo, il boss dell’Acquasanta considerato vicino al deputato regionale di Forza del Sud, il movimento politico che fa capo al sottosegretario Gianafranco Miccichè. L’inchiesta, che nei giorni scorsi ha portato al sequestro di tre appartamenti di Mineo considerati di proprietà anche di Galatolo, adesso ha portato ad ulteriori controlli anche nella villa di Villagrazia di Carini in uso a Galatolo.
Intanto alcuni titoli sono stati trovati anche nell’abitazione di Franco Mineo, ritenuto prestanome dei boss.
Altri dettagli nel Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati