Sicilia, Politica

Nuova giunta al Comune: c'è il nodo del Pid

La conferma alla Provincia di Aulicino, passato con Miccichè, chiude le porta ad altri esponenti nella giunta presieduta da Avanti. Prende quota l'ex Udc Caronia

PALERMO. Nuova giunta, ormai è una telenovela. Sembrava fatta, i nomi, i volti nuovi, le deleghe e il sindaco che era pronto per l’annuncio ufficiale (poi smentito poco dopo) e invece niente incontri con la stampa. Né ieri, né oggi. E al momento non si sa quando se ne parlerà. Il motivo? Non ci sono certezze. Voci che si rincorrono.



Da un lato c’è il nodo del Pid, il nuovo partito di Saverio Romano che deve conciliare le tante ambizioni per un incarico di assessore comunale; dall’altro, c’è chi dice, c’è invece il sindaco che cerca un po’ di far quadrare il cerchio in un momento in cui la politica è in fibrillazione sia a livello locale che in Sicilia e a Roma con passaggi repentini da un partito all’altro, nascita di nuove formazioni politiche, come Forza del Sud di Miccichè, e possibili scenari con scadenze elettorali. Quest’ultima ipotesi non escluderebbe le dimissioni di Cammarata in vista di una corsa verso il Parlamento nazionale qualora Berlusconi si dimetta e Napolitano sciolga le Camere. Fantapolitica? Forse. Intanto il nodo Pid c’è tutto.


Le indiscrezioni dell’ultima ora, quelle che avrebbero portato al sindaco a chiedere altro tempo prima di presentarsi ufficialmente con l’elenco degli assessori, parlano di una new entry, tra i volti nuovi, quello di Giovanni Mauro, assistente parlamentare del deputato regionale Marianna Caronia o, addirittura come più probabile, la stessa Caronia, così come avrebbero chiesto i vertici del Pid. Giovanni Di Trapani, dato quasi per certo l’ingresso nella giunta comunale, andrebbe ora alla Provincia assieme a Patrizio Lodato che ha manifestato più volte il desiderio di tornare a fare l’assessore. Due nuovi assessori alla Provincia per il Pid al posto di Armando Aulicino che nei giorni scorsi ha lasciato l’Mpa e Pino Faraone, anche lui ancora Mpa ma, si dice, con molti dubbi. Ma Aulicino ha deciso di passare a Forza del Sud, e si presenterà oggi al partito ufficialmente alla convention del cinema Golden. Aulicino ha manifestato l’intenzione di restituire la delega all’Istituto provinciale di cultura e lingue ma Avanti ha respinto la richiesta.


D’altra parte Avanti sa bene che non può fare a meno del sostegno degli uomini di Miccichè in Consiglio. E forse, a questo punto, neanche la poltrona di Faraone è in discussione. Il risultato è che per il Pid non ci sono più spazi a Palazzo Comitini e con una sorta di effetto domino la questione torna al Comune. Da qui lo stop and go di Cammarata che dura, per la verità ormai da oltre tre mesi. È da luglio infatti che si parla di nuova giunta, nomi nuovi, scambi di deleghe. Ma al momento di ufficiale c’è ben poco. Dallo staff del sindaco si parla di un’attesa breve. Pochi giorni ancora. Come accade ormai da tre mesi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati