Zamparini: serve filotto per essere grandi

Il presidente del Palermo: "Con squadre alla nostra portata come il Bologna bisogna cogliere sempre successi"

PALERMO. "Dobbiamo vincere contro squadre come Bologna, Lecce o Cagliari che sulla carta sono alla nostra portata. Solo così potremo diventare un grande club. Abbiamo bisogno di un filotto di 5-6 vittorie di fila, speriamo di iniziare a partire proprio dalla gara con il Bologna". E' determinato, come sempre, il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, questo pomeriggio allo stadio Renzo Barbera per seguire l'allenamento dei rosanero.    
"Eravamo grandi anche l'anno scorso, non per niente siamo arrivati quinti - ha detto ai microfoni di Stadionews - Avevamo una grande squadra e giovani di altissimo livello anche l'anno scorso, se ci fosse stato qualche episodio favorevole saremmo arrivati quarti".     
Ad arbitrare Palermo-Bologna sarà Paolo Valeri che l'anno scorso causò un po' di polemiche per la direzione di Genoa-Palermo 2-2. "E' un arbitro giovane - ha sottolineato Zamparini -, molto capace e aveva arbitrato benissimo quella partita. Molto probabilmente un arbitro più esperto avrebbe fischiato prima la fine della partita e non l'avrebbe allungata contro una squadra ridotta in nove".     
Non può mancare un accenno al principe saudita Abdul Aziz Al-Hokair, lo sceicco che ha fatto visita al Palermo durante il ritiro e, da quel momento, è diventato un tormentone per i tifosi che sperano in grandi investimenti nella squadra. "Con lo sceicco abbiamo avviato delle operazioni nel campo del turismo, dell'energia e delle costruzioni. Il calcio è solo una conseguenza - ha precisato Zamparini - abbiamo degli affari in ambito europeo, internazionale e anche in Italia compresa la Sicilia, per questo l'ho 'portato giu''.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati