Madonie, nasce un consorzio per i beni confiscati

PALERMO. E' stato sottoscritto a Polizzi Generosa il protocollo d'intesa per la costituzione del consorzio madonita della legalità e dello sviluppo che gestirà, in un progetto comune, i beni confiscati alla mafia ed assegnati al patrimonio delle basse ed alte Madonie. Lo afferma Salvino Caputo, parlamentare regionale del Pdl. Al protocollo d'intesa hanno aderito la Provincia Regionale di Palermo i  comuni di Polizzi Generosa, Castellana Sicula, Petralia Soprana e Sottana, Blufi, Bompietro, Alimena, Valledolmo, Sclafani Bagni, Geraci Siculo, Gangi, Castelbuono, Campofelice di Roccella, Lascari, Cefalù, Scillato, Collesano, Gratteri, Pollina, San Mauro Castelverde e Collesano. Dopo la firma del protocollo d'intesa verrà predisposta la delibera di formale adesione che dovrà essere votata da ogni singola giunta municipale e consiglio comunale dei 22 comuni. L'iniziativa di costituire il consorzio è scaturita dalla nota vicenda legata all'assegnazione ed utilizzo del feudo 'Verbumcaudo' confiscato in via definitiva al boss Michele Greco ma l'utilizzo è impedito per la presenza sul bene di un'ipoteca da parte alcuni istituti di credito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati