Mannino: noi leali con Berlusconi

L'ex ministro a Palermo: "Vogliamo difendere la linea politica sostenuta in questi anni. Il Pid riparte dalla Sicilia"

PALERMO. "Se Casini va a sinistra noi apriamo un dialogo con Berlusconi". Lo ha detto il deputato Calogero Mannino, neo presidente dei Popolari di Italia di domani nel corso della prima assemblea programmatica svoltasi in         un gremitissimo teatro tenda a Palermo. "Il nostro obiettivo è difendere la linea politica che abbiamo sostenuto in questi anni. - ha aggiunto - Ritenevamo che l'Udc dovesse stare fuori dai poli di sinistra e di destra, e prepararsi al tempo nuovo della vita politica italiana. Al passaggio decisivo, però, il nostro amico Casini ha sentito la sirena di Bersani e di D'Alema e ha scelto di allearsi con la sinistra".            
"Noi non abbiamo pregiudizi verso la sinistra - ha osservato - ma riteniamo che la nostra storia non può essere realizzata da democristiani che finiscono al Pd, come ad esempio ha fatto Martinazzoli in passato". "Abbiamo trovato che il discorso del premier alle camere ha dei punti che fanno parte del nostro programma. - ha detto Mannino - Li svilupperemo con lealtà e per il mantenimento della nostra identità".          
Mannino ha aggiunto che il Pid "riparte dalla Sicilia dove l'Udc e stato partito forte. La nostra iniziativa politica si rivolge soprattutto ai giovani e alle donne che non si riconoscono più nei partiti e si sentono esclusi dal Paese. A loro vogliamo dare grande speranza".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati