Palermo, intimidazioni al vicepresidente del consiglio provinciale

La notte scorsa, a Partinico, appiccato il fuoco al portone dell'abitazione e sfondato con una mazza il vetro dello studio medico di Enzo Briganò (Mpa)

PALERMO. Ignoti, la notte scorsa, a Partinico, hanno appiccato il fuoco al portone dell'abitazione e sfondato con una mazza il vetro dello studio medico di Enzo Briganò, vicepresidente vicario del consiglio provinciale di Palermo, in quota Movimento per le autonomie.
Lo rendono noto il commissario regionale del Mpa, Enzo Oliva, e il capogruppo del partito alla Provincia di Palermo, Francesco Miceli.
"Evidentemente - ha detto Briganò - la crescita del Mpa a Partinico ha provocato delle reazioni. Il nostro movimento raccoglie qui sempre più aderenti e stiamo lavorando per dar vita a una politica che incida sul territorio. Anche l'impegno di mio fratello Mimmo come assessore al Bilancio di Partinico potrebbe non essere estraneo a questi fatti".
"Quello contro Briganò - hanno sottolineato Oliva e Miceli in una nota congiunta - è il terzo attentato ad amministratori del Mpa del Palermitano nel giro di pochi mesi: prima il portone incendiato nella casa del consigliere provinciale Andrea Galbo a Caccamo, poi, pochi giorni fa, l'auto del sindaco di Trabia, Francesco Bondì, data alle fiamme, e ora quest'altro vile gesto. Tutti devono sapere che si tratta di atti contro la buona amministrazione e la legalità".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati