Droga, operazione della polizia nell'Agrigentino: 19 arresti

Al centro delle indagini c’è il consorzio idrico Tre sorgenti di Canicattì, dove sarebbero state effettuate intercettazioni. Ai domiciliari l'avvocato Calogero Mattina, presidente dell’associazone

AGRIGENTO. Operazione antidroga della polizia nell'Agrigentino. Le ordinanze di custodia cautelare in carcere riguardano 15 persone e per altre quattro sono previsti gli arresti domiciliari. L'inchiesta su reati commessi in materia di spaccio di sostanze stupefacenti e contro la pubblica amministrazione.
Al centro delle indagini, eseguite dalla squadra mobile della Questura di Agrigento, ci sarebbe il consorzio idrico Tre sorgenti di Canicattì, dove sarebbero state effettuate intercettazioni audio e video.
I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal gip Alberto Davico su richiesta del procuratore capo Renato Di Natale, dell'aggiunto Ignazio Fonzo e dei sostituti Giacomo Forte e Andrea Bianchi.
Tra gli arrestati figura anche un professionista molto noto nell'Agrigentino, l'avvocato Calogero Mattina, 54 anni, presidente di Tre sorgenti, al quale sono stati concessi i domiciliari.
Secondo gli investigatori, gli indagati sarebbero coinvolti in un vasto giro di spaccio di hashish e cocaina in diversi paesi della provincia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati