Il Vaticano: "Foro Italico danneggiato ben prima della visita del Papa"

L'ufficio stampa smentisce le polemiche e mostra sul sito internet delle foto e un video sulle condizioni del prato risalenti allo scorso 14 settembre. "Non era certo l'erba del Renzo Barbera..."

PALERMO. Il prato del Foro Italico non era di certo verde e rigoglioso prima della visita del Papa. L’ufficio stampa del Vaticano rompe in silenzio e precisa (“senza spirito polemico ma per amore di verità”, dice la nota) che  quell’erba era piuttosto ingiallita ben prima dei lavori del palco, delle pedane e della massa di gente accorsa da tutta la Sicilia per vedere il Santo Padre lo scorso 3 ottobre. E mostra anche le prove: sul sito www.ilpapaapalermo.it ci sono immagini e anche un video risalenti allo scorso 14 settembre scorso, il giorno del sopralluogo dell'ufficio stampa del Vaticano per testare con mano la situazione. “Sono visibili – si legge nel comunicato – cespugli non potati, alcune grandi chiazze scoperte di prato, diverse parti  ingiallite nella zona dove sono state collocate le  pedane e la non uniformità del mando erboso con diversi tipi  di semina (quadrifoglio, gramigna e zone cespugliose)”.


Normale, sottolinea ancora il Vaticano, dato che giornalmente quello stesso prato viene calpestato a più non posso da giovani (che organizzano anche partite di calcio) e da altri gruppi che vanno lì a sostare e a divertirsi, non essendo nemmeno un’isola recintata. In poche parole: se ci conso danni o quell'erba è ingiallita, la colpa non è certo della visita del Pontefice. E questo la Santa Sede lo ribadisce con estrema fermezza. E in tutto questo, c’è anche la stoccata finale, questa si piuttosto pesante, che recita: “Certamente, il nostro ufficio stampa lo scorso 14 settembre non ha trovato il prato dello stadio Renzo Barbera”. Palla al centro dunque: la partita è appena iniziata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati