Tagli nella sanità, si salvi la sicurezza

Per chi conosce poco o nulla la lingua inglese il cost saving tradotto vuol dire "riduzione dei costi". La sanità in questi ultimi mesi è stata al centro dell'attenzione proprio per questo motivo, in quanto coniuga la vita e la salute di piccole creature al "must", ovvero al dovere di riduzione dei costi dettata probabilmente da anni di spreco e da questa crisi che negli ultimi anni non ha fatto altro che presentare "tagli", certamente più opportuni in altri momenti.
Oggi, da neo genitore che ha affrontato personalmente un'esperienza simile, per fortuna terminata per il meglio dopo che mia moglie ha affrontato 27 ore di travaglio e dopo nostre incessanti pressioni a favore del parto cesareo, mi chiedo come sarà possibile avere fiducia nella sanità quando appare così importante ridurre i parti cesari e di conseguenza tagliare i costi, anche di fronte a situazioni paradossali e catastrofiche come ad esempio gli ultimi casi di Messina e Palermo?
Lavoro nel settore alberghiero, anch'esso sconvolto dalla crisi, ove spesso cerchiamo la formula per ottimizzare i costi al centesimo, per fare un esempio banale ... potrei forse permettermi di non far trovare le pantofole in camera,  probabilmente riducendo la percezione del comfort dell'ospite, ma non potrei sicuramente permettermi di non garantire la sua sicurezza! Invito tutti, istituzioni in primis, a riflettere su ciò che sta accadendo.
Massimiliano Torre
 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati