“Arresto illegale”, l’avvocato chiede la scarcerazione di Falsone

Secondo il legale del boss agrigentino le autorità francesi non potevano fermare il suo assistito. Entro domani la decisione del tribunale del Riesame

Sicilia, Cronaca

AGRIGENTO. L'autorità giudiziaria francese "non poteva arrestare Giuseppe Falsone", l'ex numero uno di Cosa nostra Agrigentina, "perché non era autorizzata". L'ha detto Giovanni Castronovo, difensore dell'ex boss agrigentino, che ha eccepito le modalità d'arresto del suo assistito durante l'udienza al tribunale del Riesame.
Il legale ha chiesto l'annullamento del mandato di cattura a carico di Falsone emesso nell'ambito dell'operazione antimafia 'Apocalisse' "per l'assenza di riscontri esterni alle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Giuseppe Sardino".
Il tribunale, presieduto da Fabio Cosentino, a latere Di Maida e Gaeta, si è riservato di decidere entro domani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati