Palermo, fisioterapista assolto dall'accusa di violenza sulla figlia

La decisione dopo che la relazione tecnica e la testimonianza della piccola di 4 anni non avevano convinto i giudici

PALERMO. I giudici della quinta sezione del tribunale di Palermo, presieduta da Gioacchino Scaduto, hanno assolto C.N., 29 anni, fisioterapista palermitano, accusato di avere abusato della figlia di 4 anni. Il pm Carlo Lenzi aveva chiesto la condanna dell'imputato, che rispondeva di violenza sessuale, a 9 anni di carcere.  
La vicenda è del 2007, quando la bambina raccontò alla nonna di avere subito le molestie. La donna, insieme alla figlia, madre della piccola vittima, registrò le parole della nipotina e l'accompagnò da un medico legale che ritenne ci fossero le tracce delle molestie. Solo successivamente venne presentata denuncia.   
La vittima è stata sottoposta a colloqui psicologici da parte di un perito del giudice che ne avrebbe accertato l'attendibilità. Ma la relazione tecnica e la testimonianza della bambina, che ha deposto in aula, non hanno convinto i giudici.   
L'imputato si è difeso sostenendo che la figlia sia stata indotta ad inventarsi tutto dai familiari della moglie da cui stava per separarsi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati