Mortalità neonatale, in Sicilia tasso più alto d’Italia

Report della Commissione parlamentare Errori sanitari: nell’Isola sono 22 i bimbi morti per 100 mila nati vivi. Solo otto al nord e in Toscana

Sicilia, Salute

ROMA. È la Sicilia, seguita a distanza dal Lazio (13 morti per 100 mila nati vivi), la regione in cui si registrano i più alti valori di mortalità neonatale. Valore (22 morti su 100 mila nati vivi) che è quasi il triplo di quello registrato al Nord e in Toscana dove per 100 mila nati vivi si hanno solo 8 morti. Sono alcuni dei dati sottolineati dalla commissione Errori sanitari guidata da Leoluca Orlando, che ha presentato in conferenza stampa a Montecitorio, il questionario inviato a regioni e procure per fare un 'censimento' dei punti nascita in Italia.
Il Sud, nota la commissione, è anche al primo posto per la quota parti effettuata in strutture ospedaliere private convenzionate, fino al caso "clamoroso" della Campania dove quasi uno su due non avviene nel pubblico (ma ci sono anche i casi "meno evidenti di Lazio, Puglia, Sicilia e Sardegna), mentre in Piemonte, Liguria, Veneto e Toscana la quota è "quasi zero".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati