La Russa: Micciché attacca me per colpire altri

Il ministro: ho ricevuto la telefonata di solidarietà di Berlusconi: "Non dico i suoi giudizi"

ROMA. "C'é una strategia militare che si chiama 'falso scopo': in pratica tu hai un obiettivo preciso ma  fingi, per distrarre l'avversario, di attaccarne un altro". Lo  afferma al Corriere della Sera, il ministro della Difesa,  Ignazio La Russa, ipotizzando le ragioni che hanno spinto il sottosegretario Gianfranco Micciché a definirlo, in  un'intervista allo stesso giornale, "volgare e fascista".     
Micciché, dice La Russa "in Sicilia è fuori dal governo che sta allestendo Lombardo, poi ha rotto con il suo caro amico Cuffaro, ha litigato con il locale Pdl lealista e pure con i  finiani. Non so - aggiunge - magari Micciché ha necessità di restare sui giornali con una certa ambiguità". La Russa fa  sapere di aver accettato le scuse di Micciché arrivate a stretto giro dalla pubblicazione delle sue dichiarazioni, "perché me l'ha insegnato mio padre". Tuttavia, il ministro  racconta anche di aver ricevuto diverse telefonate di solidarietà, tra cui quella del premier Silvio Berlusconi:  "Non dico i suoi giudizi", aggiunge. Del resto, osserva La  Russa, "un anno fa lo difesi: in fondo, tra i leader siciliani del partito era l'unico rimasto a bocca asciutta, visto che poi  Renato Schifani era diventato presidente del Senato e Angelino Alfano ministro della Giustizia". Infine La Russa afferma di  non credere che il partito di Micciché possa portare via voti al Pdl e  e si dimostra perplesso sulla stessa nascita del partito del popolo del Sud, annunciata dal sottosegretario. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati