Universitario suicida a Palermo, Uds: la politica si interroghi

L'associazione studentesca: che parla di merito, di fuga dei cervelli e di disoccupazione giovanile si chieda cosa sta succedendo a un'intera generazione

ROMA. Sul suicidio Zarcone "la politica stia zitta e si interroghi". L'esortazione arriva dall'Unione degli studenti.
"Siamo colpiti dalla notizia del suicidio del giovane dottorando di Palermo Norman Zarcone. Norman ha lasciato un biglietto motivando la scelta di questo gesto estremo per l"assenza di futuro’. Siamo sgomenti che un giovane di 27 anni, laureato con 110 e lode, arrivi a motivare il proprio togliersi la vita con la mancanza di opportunità di impiego, di realizzazione delle proprie aspirazioni per cui ci si impegna all'interno delle università. La politica che ciancia di merito, di fuga dei cervelli e di disoccupazione giovanile - invita l'associazione studentesca - stia zitta una volta tanto e si interroghi su quanto sta succedendo a un'intera generazione e le motivazioni per cui il dramma della precarietà materiale ed esistenziale porta a gesti simili. Alla famiglia di Norman vanno le nostre più sentite condoglianze e la vicinanza di tutta la nostra Organizzazione".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati