Caltanissetta, bruciata l'auto di un ambulante: forse è dolo

Potrebbe esserci un atto intimidatorio dietro le fiamme che hanno distrutto la Seat Altea della moglie di un uomo che gestisce un chiosco di frutta e verdura. Non sarebbe il primo avvertimento alla coppia

CALTANISSETTA. Potrebbe esserci un atto intimidatorio dietro il rogo che nella notte ha fatto bruciare l’auto di una casalinga, moglie di un ambulante che gestisce un chiosco di frutta e verdura a Caltanissetta. Già qualche tempo fa, infatti, l’esercizio commerciale sarebbe stato nel mirino degli attentatori. Adesso, gli agenti della polizia di Stato e gli uomini dei vigili del Fuoco, intervenuti sul posto, sono a lavoro per scoprire la natura delle fiamme che hanno avvolto la Seat Altea: una prima ipotesi non esclude il dolo legato, magari, ad ambiti concorrenziali.
Maggiori dettagli nell’edizione di Caltanissetta del Giornale di Sicilia in edicola oggi, lunedì 13 settembre.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati