Us Open, finale femminile: Clijsters vs Zvonareva

La belga ammazza-Williams punta decisamente al suo terzo successo, ma se la dovrà vedere con la ventenne danese, rivale del tutto inaspettata

NEW YORK. Contro l'ammazza-Williams spunta a sorpresa la finalista che non ti aspetti. Vera Zvonareva che può lottare per il trofeo degli Us Open è davvero una sorpresa. La sua impresa guasta la festa a Caroline Wozniacki, la 20enne danese che sperava, vincendo il torneo, di issarsi in vetta al ranking mondiale. Ma dovrà attendere, purtroppo per lei. In rapida ascesa dunque la Zvonareva che infligge una dura lezione alla Wozniacki (6-4, 6-3) sul cemento di Flushing Meadows. Le sono bastati un'ora e venticinque minuti di gioco per sbarazzarsi dell'avversaria.   
La Wozniacki, favorita numero uno del seeding e finalista lo scorso anno, era reduce dai due successi di fila conquistati a Montreal e New Haven. Un giornata decisamente storta per la danese che ha sbagliato dopo la finale a Wimbledon nel luglio scorso conferma quindi la sua crescita: per lei si tratta della seconda finale Slam in carriera. E pensare che proprio contro la Wozniacki aveva perso piuttosto nettamente (6-3, 6-2) la finale di Montreal qualche settimana fa.    
In finale la Zvonareva affronterà Kim Clijsters. Sui campi newyorkesi la belga si è sempre trovata a meraviglia. Non a caso è in serie positiva da venti partite (il record è di Chris Evert, con 31 vittorie) - in pratica Kim, assente anche nel 2004, è imbattuta dal 2003 quando perse la finale contro la connazionale Justine Henin - e punta decisamente al suo terzo successo. Qui era risorta l'anno scorso dopo la lunga pausa per la maternità vincendo a sorpresa il suo secondo Us Open dopo quello del 2005. E da campionessa uscente si ritrova ancora una volta in finale. Nel match più spettacolare e intenso finora disputato la belga ha sconfitto per 4-6, 7-6 (7/2), 6-4, in due ore e diciannove minuti di partita, Venus Williams. Decisivo per Venus il tie-break del secondo set, dove l'americana ha perso la tramontana commettendo anche due doppi falli di fila. Nel set decisivo è riuscita a recuperare sulla Clijsters da 2-4 a 4-4, prima di cedere al decimo gioco. Per la belga è la quarta finale a New York. E in finale parte naturalmente favorita: tra l'altro nei confronti diretti è avanti 5-2, anche se la Zvonareva si è aggiudicata le ultime due sfide, sempre quest'anno e sempre in tre set (dopo aver perso il primo) giocate nei quarti a Wimbledon e nei quarti a Montreal. E la "magia" di Flushing Meadows per la belga avrà conseguenzesul ranking di Francesca Schiavone.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati