Mafia, "Paesan blues": rinviato a giudizio il boss Casamento

Respinta l'istanza della difesa del presunto uomo d'onore della famiglia di Santa Maria di Gesù, che chiedeva l'inutilizzabilità di alcune intercettazioni

PALERMO. Il gup di Palermo, Lorenzo Matassa, ha rinviato a giudizio, per associazione mafiosa, Andrea Casamento, presunto uomo d'onore della 'famiglia' di Santa Maria di Gesù. Respinta l'istanza della difesa che chiedeva l'inutilizzabilità di alcune intercettazioni finite nel procedimento.
Casamento ha scelto il rito abbreviato e sarà processato il 12 ottobre assieme a Leonardo Algeri, Massimiliano Castellucci, Claudio Faldetta e Giuseppe Frusteri accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsioni, detenzione illegale di armi, detenzione e spaccio di stupefacenti.
Gli imputati sono stati arrestati il 10 marzo scorso nell'operazione Paesan Blues, che ha ricostruito i rapporti tra le cosche palermitane e quelle americane, condotta dallo Sco della polizia e dell'Fbi.
Hanno scelto il rito ordinario e saranno processati a partire dal 16 dicembre dalla seconda sezione del tribunale di Palermo Giuseppe Lo Bocchiaro, Gaetano Castelluccio, Gioacchino Corso, detto Ino, per gli inquirenti capomandamento di Santa Maria di Gesù, Francesco Guercio, Pietro Pilo, Gaetano Di Giulio, Santo Porpora.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati