Agroalimentare, da Acli Terra Sicilia la ricetta anticrisi

PALERMO. “La crisi economica internazionale ha messo a dura prova le piccole e medie imprese agroalimentari siciliane. Ma queste, proprio per le loro dimensioni, hanno il vantaggio di poter introdurre un binomio vincente,  “innovazione e tradizione”, che legato a forme di cooperazione concrete con organismi associativi, enti e centri di ricerca, organizzazioni dei produttori e delle imprese, può determinare sinergie forti determinando valore aggiunto economico e culturale”.
Ne è convinto Nicola Perricone, presidente di Acli Terra Sicilia, che lancia la sua ricetta anticrisi: “È necessario puntare su politiche della conoscenza, di marketing e di mercato. Solo con azioni di informazione, alta formazione e ricerca, studi specifici di posizionamento delle produzioni interventi di valorizzazione dei prodotti e riducendo i costi di transazione possiamo sperare in un riposizionamento della produzione agricola al centro delle strategie di politica economica, nel contrasto alla speculazione sui mercati, nell’orientamento agli investimenti per migliorare le filiere produttive”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati